I vini delle celebrità sono un’opportunità per cambiare

Vini-dei-famosi-Chateau-Miraval-Provence-Pitt-Jolie

I vini delle celebrità sono un’opportunità per cambiare

I vini delle celebrità potrebbero rivoluzionare il modo di parlare di vino da parte dei critics: puntando ad arricchire l’esperienza di chi assaggia

 

Vino-dei-famosi-Invino-Sarah-Jessica-Parker-Sauvignon-Blanc

Vino-dei-famosi-Invino-Sarah-Jessica-Parker-Sauvignon-Blanc

Di Donatella Cinelli Colombini

L’ultima è Cameron Diaz che insieme alla sua amica Katherine Power ha iniziato a produrre vino naturale scatenando un autentico putiferio nei social media fra i puristi che l’accusano di sfruttare la moda del vino super bio, i wine lover tradizionalisti che sono contro i vini naturali e tutti che si lamentano per le celebrità che usano la loro fama per vendere le bottiglie.

 

VINI DELLE CELEBRITA’ PERCHE’ USANO IL LORO NOME PER VENDERE BOTTIGLIE

In realtà la presenza di attori, sportivi e in genere personaggi noti, fra i produttori è un’opportunità che avvantaggia tutte le cantine della stessa denominazione, specialmente se la DOC-DOCG è famosa. Basta pensare all’effetto tonico di Chateau Miraval per il rosè francese e soprattutto per quelli della Provenza grazie all’acquisto da parte di Brad Pitt e Angelina Jolie che si sono sposati proprio lì nel 2014.

Vini-dei-famosi-bon-jovi

Vini-dei-famosi-bon-jovi

Un articolo molto stimolante scritto da Oliver Styles per Wine Searcher ci sollecita a guardare i vini delle celebrità da un nuovo punto di vista: prima di tutto è impossibile evitare che i VIP famosi investano in un settore dove i valori sono in crescita come quello dei vigneti. Hanno soldi e voglia di diversificare il loro patrimonio, quindi lo fanno e lo faranno sempre di più.

 

I VINI DEI FAMOSI SONO SPESSO ROSATI

L’elenco è lunghissimo: Sarah Jessica Parker in Nuova Zelanda, poi c’è il gruppone dei produttori di rosato: Post Malone, Jon Bon Jovi, John Malkovic, Sam Neill e Jay-Z …. Perchè il rosato è una tipologia in crescita e quindi promette maggiore speculazione sul valore investito.
L’invasione del mondo del vino da parte delle celebrities nasce quindi da motivi economici e crescerà perché il nome del proprietario spinge la vendita delle bottiglie. Per i super VIP è un modo per sfruttare il proprio nome: i vini, infatti, non vengono comprati per la qualità intrinseca, anzi il giudizio dei critici su di essi è, probabilmente, irrilevante ai fini del prezzo, del posizionamento e dei consumi.

 

PERCHE’ I RATING SONO ININFLUENTI SUI VINI DEI FAMOSI

Questo apre il vero argomento dell’articolo di Oliver Styles: vista questa circostanza <<il giornalismo specializzato e la critica del vino non potrebbero rinnovarsi per accompagnare il vino invece di raccomandarlo? >>. Styles propone ai colleghi giornalisti specializzati di fornire informazioni, particolari, aneddoti in una sorta di riassunto che non si limiti al vino e alla cantina, ma riguardi anche il volto famoso che ci sta dietro <<un po’ più di informazioni su ciò che ho visto o fatto e apprezzato. Dando un arricchimento dell’esperienza dei fan>>.

 

COME IL GIORNALISMO DEL VINO PUO’ AUMENTARE L’ESPERIENZA DELL’ASSAGGIO

Lui stesso ammette che una simile tecnica non potrebbe funzionare per ogni vino ma <<è sicuramente un’occasione troppo bella per lasciarla sfuggire>>. Ecco che alla fine l’idea nata per i vini delle celebrità fa scaturire un altro suggerimento destinato alla critica enologica: <<Piuttosto che consigli, le nostre note di degustazione non dovrebbero accompagnare l’assaggio?>>. Un’opinione che ha un crescente numero di sostenitori perché forse, ormai, i wine lover chiedono proprio questo agli esperti: un arricchimento della loro esperienza con il bicchiere, un arricchimento di conoscenze e di emozioni che nasce dai racconti di chi ha visto i luoghi e incontrato i produttori.
Detto fra noi credo che abbia ragione.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi