Il novello Gulliver nell’isola di Gozo

Gulliver

Il novello Gulliver nell’isola di Gozo

Questa è la storia del nuovo Gulliver nell’isola di Lilliput. Si chiama Marco Lambrocchi st a Gozo e questa è una storia vera

Gulliver

Gulliver

visto per voi da Carlo Gardini e Donatella Cinelli Colombini

Non preoccupatevi, non ambisco a confrontami con Jonathan Swift, la mia è una modesta parodia che serve a raccontarvi la storia avventurosa del mio amico Marco Lambrocchi, un gigante buono nella terra degli uomini bassi. Cominciamo dall’inizio: io e mio marito Carlo abbiamo conosciuto Marco circa cinque anni fa quando anche noi siamo arrivati all’isola degli uomini bassi, Gozo. Noi siamo perfettamente mimetizzati con gli indigeni vista la nostra bassa statura, anche Orietta, la moglie di Marco, si nasconde senza difficoltà, ma il nostro gigante invece svetta. Nelle vecchie case maltesi deve abbassarsi per passare dalle porte, i pantaloni in vendita qui gli arrivano sopra le caviglie e in qualunque riunione la sua testa spunta sopra tutte le altre. Copio da Wikipedia la descrizione di Gulliver che si adatta a pennello al nostro eroe <<una persona di mezza età, di classe borghese, versato nella conoscenza delle lingue, con una grande passione per i viaggi>> .

Anche l’esperienza di Marco nell’isola dei piccoli uomini somiglia a quella del suo celebre ascendente. Ovviamente è

Jonathan Swift

Jonathan Swift

necessario attualizzare le cose: non c’è più il re Giorgio I ma in compenso c’è Berlusconi. Non ci sono Whig-progressisti e i Tory-conservatori ma il PDL e il PD in qualche modo li ricordano soprattutto per il livello di corruzione che si ripresenta quasi uguale …. Copio ancora da Wikipedia <<  Dopo aver dimostrato che era pacifico, a Gulliver vengono offerti alloggio e cibo e viene accolto nel grande palazzo. Le sue osservazioni sulla corte di Lilliput (modellata su quella di Giorgio I) mettono in ridicolo le lotte tra le varie fazioni, rappresentate dalla rivalità tra “tacchi alti” e “tacchi bassi” (i partiti Whig e Tory), gli intrighi di corte, i metodi con cui viene conquistato il potere e la fiducia del sovrano, insistendo sulla corruzione dei tempi presenti rispetto a un luminoso passato>>. Il rigore e le critiche del nostro Marco non vi sembrano le stesse di Gulliver ai Lillipuziani? In realtà noi che viviamo in Italia siamo invidiosi del gigante nell’isola degli uomini bassi. A Gozo la crisi economica mondiale si vede solo in televisione, i furti e la microcriminalità sono fenomeni sconosciuti e la massima tassazione è il 35% ma bisogna essere davvero nababbi per arrivarci. E poi qui l’inverno dura due mesi ed è davvero mite. Insomma aver scelto l’isola di Gozo prima del boom turistico che ha moltiplicato le nuove costruzioni, appare un altro punto a favore del nostro novello Gulliver.

Gulliver.

Gulliver.

La speranza è che Marco – Gulliver rimanga a Gozo senza che la voglia di viaggiare lo spinga a ripartire, magari verso l’estremo oriente dove il figlio Alessandro è proiettato a una carriera di direttore d’albergo. Senza il nostro gigante, l’isola degli uomini bassi non sarebbe più la stessa. Ma se la storia si ripete vedremo Marco alle prese con nuovi viaggi e nuove sfide. L’augurio è che riesca a realizzare i suoi sogni e a portare, ovunque andrà, la sua forza tranquilla, il suo rigore di scelte, la sua voglia di far bene e di creare cose ben fatte.

wine-destination

wine-destination
                                                                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi