La cantina di Paul ovvero la personal wine suite

La cantina di Paul

La cantina di Paul ovvero la personal wine suite

Dai maestri falegnami Campo e da Paolo Valdastri conoscitore dei migliori vini di tutto il mondo ecco la bottiglieria che ogni wine lovers vorrebbe avere

La cantina di Paul

La cantina di Paul

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini
Assomiglia a un portagioie gigante tanta è la raffinatezza delle finiture e la tecnologia che serve a proteggere il prezioso contenuto dalla luce, dal caldo e soprattutto dai ladri. Questa è la cantina di Paul un piccolo vano per bottiglie pregiate completamente diverso da quelli che siamo abitati a vedere nei ristoranti di lusso o nelle riviste di arredamento con le case dei miliardari. Se infatti quelli sono bunker in acciaio e cristallo, funzionali ma decisamente tetri, la cantina di Paul è un capolavoro di ebanisteria artigianale, uno scrigno in legno intagliato e intarsiato di circa due metri per due che trasmette allegria e amore per il vino.
Nasce dall’incontro di persone con cultura e provenienze diverse.

Paolo Valdastri nella Cantina di Paul

Paolo Valdastri nella Cantina di Paul

Prima di tutto Paul la persona a cui è dedicata la cantina. Si tratta dell’antiquario che ha insegnato ai maestri falegnami Campo, di Cappella Maggiore in provincia di Treviso, il gusto del bello e dell’antico. Ecco che la falegnameria artigiana, nata nel 1963, è poi diventata una bottega di stile rinascimentale che realizza pezzi unici complessi e raffinati, dove l’elettronica c’è ma non si vede e vengono usati legni pregiati ma soprattutto abete: librerie, scalinate, cucine, pareti attrezzate…. I maestri falegnami guidati da Ornella, Antonella e Michele Campo, affiancati dal designer Aberto Casagrande e da Paolo Valdastri, grande esperto di vino, hanno dato vita a un progetto ambizioso: la cantina di Paul. La bottiglieri in legni pregiati è già stata presentato in Russia e in Svizzera con grandissimo successo.

Cantina di Paul dettagli

Cantina di Paul dettagli

E’ Paolo Valdastri, un carissimo e vecchio amico, (ingegnere, wine writer, esperto di viaggi e di sviluppo territoriale) che mi ha fatto scoprire la Cantina di Paul durante l’ultimo Vinitaly. Ecco che Paolo sfodera tutta la sua raffinata competenza sui vini per spiegare dove conservare lo Champagne o i grandi rossi a temperature diverse a seconda se devono essere affinati o predisposti al servizio. L’interno della cantinetta è un luogo perfetto per degustazioni esclusive, tutto sembra antico ma celati dietro gli intarsi ci sono i comandi elettronici e basta un tocco per farli funzionare. Anche per uscire c’è un piccolo segreto. Uscire ….. alla fine questo scrigno sembra il posto ideale per un wine lover, visto che ci sono cavatappi, bicchieri, decanter e fantastiche bottiglie scelte da Paolo Valdastri …. perché uscire?

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi