Quanto vale il paesaggio dell’olio?

Gianni-Salvadori-Susanna-Cenni-Enrico-Lupi

Quanto vale il paesaggio dell’olio?

A Montalcino le Città dell’Olio parlano di paesaggio e propongono di iscrivere gli oliveti storici nel patrimonio dell’umanità dell’Unesco

Gianni-Salvadori-Susanna-Cenni-Enrico-Lupi

Gianni-Salvadori-Susanna-Cenni-Enrico-Lupi

Sabato 14 luglio le Città dell’Olio celebrano a Montalcino la loro assemblea nazionale. Prima del convegno  e dell’assemblea  un video racconta  “Girolio”  con gli eventi 2011 dedicati all’extravergine in tutte le regioni d’Italia. Una delle tappe è  a Trequanda il paese della Fattoria del Colle.

Poi iniziano le relazioni sul paesaggio dell’olio e il Presidente Enrico Lupi presenta il Professor Mauro Agnoletti coordinatore del gruppo che, per il Ministero delle Politiche Agricole, studia il paesaggio storico.  Sono  vigneti, oliveti e in terza battuta seminativi le culture che caratterizzanti del paesaggio agricolo antico e di grande pregio.

In particolare le culture terrazzate costituiscono un elemento di rilevante valore culturale e ambientale. L’abbandono di queste superfici agricole, causato dal costo delle coltivazioni, dalla difficile meccanizzazione  e in generale dall’urbanizzazione,  innesca rischi di dissesto idrogeologico (alluvioni, frane) con conseguenze forse più costose della loro conservazione.  La salvaguardia dei terrazzamenti è  dunque il primo argomento in agenda e la certificazione viene subito dopo in una logica di difesa paesaggistica e ambientale da sostenere con finanziamenti pubblici.

 

Montalcino-assemblea Città-dell'olio-Oliviero-Toscani

Al Professor Agnoletti e al Dottor Angelo Lumelli fa  seguito la voce della politica: l’assessore regionale Gianni Salvadori e l’Onorevole Susanna Cenni che mettono  l’accento sul valore economico del paesaggio agricolo come plusvalenza dei prodotti agroalimentari d’eccellenza e come attrattore turistico. Da tutti l’auspicio che la spending review, che ha asciugato le casse degli enti pubblici, non arresti i processi di studio e salvaguardia degli oliveti.

La produzione dell’olio extravergine è infatti minacciata dalla crisi dei consumi e dal calo dei prezzi  all’origine a cui si aggiungono << la soppressione di servizi di trasporto, uffici postali, scuole … nei piccoli paesi>> come ha ribadito l’Onorevole Cenni lasciando intendere che rimanere a vivere in campagna e salvare dall’abbandono gli oliveti, soprattutto quelli terrazzati, sia veramente  e solo un atto di amore.

Bardi-Franco

Bardi-Franco

Un amore per la terra toscana e italiana che speriamo non ci abbandoni mai.

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi