Bicchieri da vino perfetti: bocciati il ballon e il tipo ISO

sommelier-bicchiere da vino rosso

Bicchieri da vino perfetti: bocciati il ballon e il tipo ISO

Il perfetto calice da vino rosso è grande ed ha forma tronco conica, da scartare invece i bicchieri piccoli o di forma rotondeggiante

 

Sommelier: bicchiere da vino rosso

Sommelier: bicchiere da vino rosso

Di Donatella Cinelli Colombini

Il cosiddetto ISO era il bicchiere contenuto nelle valigette che venivano consegnate agli aspiranti Sommelier, io, come tantissimi, altri ho fatto le prime esperienze di degustazione proprio con quelli. Invece, la dottoressa Francesca Venturi e la professoressa Angela Zinnai del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-ambientali dell’Università di Pisa lo bocciano senza appello. Anche il cosiddetto grand ballon di forma semisferica, che per anni tutte le cantine toscane e piemontesi, hanno comprato a centinaia, risulta poco adatto per l’assaggio del vino.

 

Università di Pisa

Università di Pisa

LA RICERCA DEL BICCHIERE DA VINO PERFETTO

La ricerca, durata sei mesi, è ora pubblicata sul CyTA: Journal of Food, una delle riviste scientifiche più autorevoli. Indica con chiarezza il calice di forma tronco conica come il più adatto per l’apprezzamento dei vini rossi. Si tratta della forma adottata dal Brunello per il suo bicchiere “ufficiale” e che moltissimi indicavano da anni come il migliore, ma che ora ha una consacrazione scientifica basata su valutazioni sensoriali, analisi chimico-fisiche e caratterizzazione morfologica dei bicchieri.

Bicchieri belli ma poco adatti alla degustazione

Bicchieri belli ma poco adatti alla degustazione

I 10 esperti del panel hanno degustato i vini nei diversi bicchieri ad intervalli di 40 minuti per due ore, la durata normale di un pasto. Contemporaneamente veniva misurata l’evoluzione di alcuni parametri chimico fisici come ossigenazione, colore, profilo antocianico e concentrazione di SO2.

L’analisi ha riguardato anche le caratteristiche morfologiche dei bicchieri cioè aspetti come il rapporto fra il volume del vino e la superficie a contatto con l’aria oppure tra la superficie del vino e la parte che entra in contatto con la bocca.

La ricerca commissionata dall’azienda Bormioli Rocco e Figli continuerà con i bicchieri per i vini rosati coinvolgendo anche specialisti del Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale.

Bicchiere da vino grand ballon

Bicchiere da vino grand ballon

Esaminando questi dati è impossibile ignorare la distanza fra l’approccio scientifico adottato a Pisa e quello intuitivo utilizzato finora.

 

CONCLUSIONI SUI BICCHIERI DA VINO PERFETTI

Nella sua dichiarazione pubblicata da “VQ” la Dottoressa Francesca Venturi, ha concluso <<Nonostante il bicchiere sia il mezzo con cui il vino comunica con il degustatore, le informazioni scientifiche in grado di evidenziare le modalità con cui si realizza quest’interazione sono scarse>>.

E pensare che sono passati 4.000 anni dall’invenzione del vetro e 60 dalla creazione dei primi calici progettati da J. Riedel per apprezzare il bouquet e il gusto dei vini. Ma solo ora, a Pisa, i primi passi verso la conoscenza scientifica del rapporto fra i sensi e i bicchieri, finalmente sono stati fatti.   

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi