I miei antenati eretici, scomunicati ma celebri: i Socini

Campo_de_Fiori-Giordano_Bruno

I miei antenati eretici, scomunicati ma celebri: i Socini

Ho due eretici in famiglia: Lelio e Fausto Socini e voglio ricordarli nell’anniversario della morte di Giordano Bruno arso vivo a Roma il 17 febbraio del 1600

 

Campo_de_Fiori-Giordano_Bruno

Campo_de_Fiori-Giordano_Bruno

di Donatella Cinelli Colombini

Ai mei avi andò meglio perché riuscirono a fuggire ma la famiglia perse tutto ciò che aveva. La scomunica e la confisca ridussero all’assoluta povertà quelli rimasti a Siena, per cui furono costretti a caricare su un carro delle pietre da Percenna, presso Buonconvento, luogo originario della stirpe, e con quei sassi costruirono una catapecchia in un vicolo che tutt’ora si chiama Via dei Percennesi.  Persero il Palazzo in città, la villa di Spannocchia e la Fattoria del Colle che, per caso e per fortuna, fu poi ricomprata dal mio bisnonno nel 1919. Dopo oltre trecento anni.

Quando ero Assessore al Comune di Siena ero intimidita dai miei antenati  raffigurati nel soffitto nell’ufficio del sindaco. Ogni volta che c’era una riunione in quella stanza mi perdevo su quei personaggi vestiti di nero che facevano ambascerie per la città. Almeno uno di loro era decisamente bello con lunghi capelli ondulati e lineamenti regolari. 

Ma chi erano i miei due  antenati  eretici? Lelio Francesco Maria Socini (Siena, 29 gennaio 1525 – Zurigo, 4 maggio 1562) è

Fausto_Lelio_Socino_Socinus

Fausto_Lelio_Socino_Socinus

stato un teologo e riformatore italiano di grandissimo spessore. Giovanissimo iniziò a pellegrinare fra le capitali europee della riforma protestante Zurigo, Wittenberg, Vienna, Cracovia, Praga e poi nei Paesi Bassi, in Inghilterra con un solo soggiorno a Siena dove almeno 4 membri della sua famiglia erano “reputati luterani” e perseguitati dall’Inquisizione. Anche Lelio dovette firmare una confessione in cui ritrattava le sue teorie eretiche. In realtà egli era un pensatore di grande forza al punto imbastire una disputa teologica con Calvino che lo stimava ma non ne condivideva le idee.

Il nipote di Lelio, Fausto ( Siena, 5 dicembre 1539 – Luslawice, Polonia  3 marzo 1604), è sempre stato considerato un personaggio di secondo piano benché abbia forse lasciato una traccia più solida dello zio. E’ lui infatti l’animatore dell’ecclesia minor cioè degli antitrinitari polacchi che in suo onore si chiamarono sociniani. Molte delle sue idee sono ancora fondamentali nella dottrina calvinista e luterana.

Faustus Socinus o Socini

Faustus Socinus o Socini

Che uomini di ferro! Sfidare la Chiesa, rischiare la morte per le proprie idee religiose! Io non la penso come loro ma ammiro il loro coraggio e la loro generosità. La nostra è una famiglia cattolica ma in loro onore mia nonna fu battezzata Lelia e mio padre Fausto.

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi