Tag Archive

Tag Archives: Donne del vino

Una Donna del Vino al concorso di Miss Italia

  • Pubblicato in Forum

Nell’80° concorso di Miss Italia c’è anche una concorrente Donna del Vino è la produttrice di Aglianico Mariapina Fontana di 26 anni: bella brava e simpatica

Mariapina-Fontana-Donna-del-Vino-concorrente-a-Miss-Italia

Mariapina-Fontana-Donna-del-Vino-concorrente-a-Miss-Italia

Di Donatella Cinelli Colombini, Montalcino, Casato Prime Donne

Per la prima volta la finale del concorso avverrà a Milano (le selezioni di Jesolo hanno riguardato 250 ragazze) e sarà trasmesso da La7 con la serata conclusiva lunedì 17 settembre. Pe la prima volta una concorrente è una Donna del Vino, Mariapina Fontana
Quest’anno il concorso che incorona la donna più bella d’Italia ha puntato su personaggi che uniscono all’avvenenza anche l’intelligenza e il coraggio di affrontare le difficoltà: una delle finaliste, Chara Boldi ha perso un piede a dodici anni per un

Mariapina-Fontana-Donna-del-Vino-concorrente-a-Miss-Italia

Mariapina-Fontana-Donna-del-Vino-concorrente-a-Miss-Italia

incidente col motorino e cammina con una protesi. E’ una giovane donna che non si è arresa e ora va in canoa, fa nuoto subacqueo, balla in discoteca e vive gli affetti come una ragazza normale.
Altro esempio, citato dalle riviste a testimonianza dell’evoluzione del concorso di Miss Italia, è la Donna del Vino Mariapina Fontana. Come dire “la bellezza non basta”. E infatti la produttrice di Aglianico Mariapina Fontana non è solo bella ma anche brava, anzi molto brava. Mariapina e suo fratello Antonio sono la quinta generazione della famiglia Fontana e stanno portando a grandi traguardi la tenuta di Pietrelcina (Benevento), terra natale di Padre Pio. Producono in modo biologico l’Asprinio d’Aversa a spalliera e ad alberata, con viti sorrette da pioppi fino a 11 metri e fermentazione in anfore di terracotta, il Sannio aglianico, il Falerno del Massico e il Falerno del Massico Primitivo. 25.000 bottiglie tutte con grandissima personalità distintiva. Leggi tutto…

Meglio un calice unico oppure tanti bicchieri diversi?

  • Pubblicato in Forum

La richiesta di un calice unico viene da ristoranti, enoteche e semplici wine lovers ma ora è la MW Jancis Robinson a schierarsi per il calice unico

Calice-unico-!Collection-Jancis Robinson

Calice-unico-!Collection-Jancis Robinson

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello, Casato Prime Donne

Un calice solo per tutti i vini. Non è un’idea nuova anzi; nel 2012 partecipai alla presentazione di Chateau Baccarat creato dalla più celebre cristalleria del mondo con 250 anni di storia di cristalli molati. Un bicchiere rivoluzionario con un lungo stello a sorreggere una coppa con base quasi piana che si allarga molto per poi salire dritta verso una bocca molto stretta in modo da concentrare gli odori come in un imbuto aromatico. Lo scorso anno ho sentito il progetto di un calice altrettanto rivoluzionario a Portopiccolo durante in meeting nazionale delle Donne del Vino; è

Calice-unico-!Collection-Jancis Robinson

Calice-unico-!Collection-Jancis Robinson

stato creato da Luca Bini per Italesse in 3 anni di prove. Un calice molto femminile e molto versatile, ma soprattutto capace di esaltare qualunque vino anche se nasce per le bollicine.
C’è dunque una diffusa controtendenza rispetto alla consueta proposta commerciale che ha riempito i nostri armadi di calici per bollicine, rossi giovani, rossi invecchiati, vini da meditazione … Hanno lavorato ai nuovi bicchieri “millevini” grandi assaggiatori e designer di grande livello. Non si tratta dunque di scelte di basso profilo e lo dimostra il prezzo esorbitante degli Chateau Baccarat. Leggi tutto…


Federica Brunini scrittrice smart per donne smart

  • Pubblicato in Forum

Giornalista smart, scrittrice di successo, fotografa, esperta di cinema, ideatrice della Travel Therapy e fan delle Donne del Vino: Federica Brunini

Federica Brunini scrittrice e giornalista smart

Federica Brunini scrittrice e giornalista smart

Di Donatella Cinelli Colombini, Brunello, Montalcino, Casato Prime Donne

Ha capelli rossi e occhi chiari molto penetranti, ha il fisico agile di chi è sempre in movimento. Una donna notevole con un curriculum da paura: nata a Busto Arsizio, laureata in lettere si è inizialmente dedicata al cinema e poi al giornalismo scrivendo per il Corriere della Sera, l’Espresso e poi Grazia, Vanity Fair, Cosmopolitan, Vogue, Panorama e radio come Radio Monte Carlo, Kiss Kiss, Capital. Il suo libro di maggior successo è “Sarò regina. La vita di Kate Middleton come me l’ha raccontata lei” ma i suoi veri colpi di genio sono l’ideazione della Travel Therapy -basata sull’idea che il viaggio giusto al momento giusto può cambiarti la vita- e “La matematica delle bionde” titolo di un suo romanzo e un autentico manuale di autostima per le donne.
Ho conosciuto Federica Brunini come giornalista diversi anni fa e poi l’ho rincontrata a Gozo dove ha abitato prima di spostarsi a Malta. Gozo l’isolotto dove io e mio marito Carlo abbiamo la casa al mare, e anche lo scenario del suo ultimo libro “Due sirene in

federica-Brunini-Due-sirene-in-un-bicchiere

Federica-Brunini-Due-sirene-in-un-bicchiere

un bicchiere” (Feltrinelli pp. 222 € 15). Un romanzo avvincente, divertente e capace di far riflettere sulla capacità rigeneratrice dell’amicizia. Due sirene in un bicchiere è saldamente fra i più letti dell’estate 2018 e si merita tutto il suo successo. <<Non potrei mai vivere qui (Gozo). Lo farei soltanto se fossi disperatamente triste o pazzamente innamorata>> dice Vera, il personaggio del romanzo che le assomiglia di più. E in effetti per l’energia di Federica l’isola di Gozo è troppo piccola troppo selvaggia e troppo poco glamour. Lei è smart.
<<Smart trip for a smart life>> è il suo motto e la frase che ha messo all’inizio del suo blog http://www.federicabrunini.com/ <<Volevo solo scrivere. Leggi tutto…

Premio del Cuore Galvanina a Donatella e alle Donne del Vino

Il Premio Nazionale Galvanina assegnato a Pesaro a Daniele Cernilli,Cristina Bowerman, Damijan Podversic e Donatella Cinelli Colombini

Premio-Galvanina-a-Donatella-Cinelli-Colombini-e-alle-Donne-del-Vino

Premio-Galvanina-a-Donatella-Cinelli-Colombini-e-alle-Donne-del-Vino

Di Donatella Cinelli Colombini

Pesaro, salone nobile di Palazzo Mazzolari, il Premio nazionale Galvanina si svolge all’interno del Festival della Cucina Italiana e delle celebrazioni dei 150 anni dalla morte di Gioacchino Rossimi (nato nel palazzo di fronte a quello della premiazione), il personaggio centrale dell’anno della cultura italiana del cibo. Gli organizzatori del Premio sono Madia Travel-food rivista diretta da Elsa Mazzolini e Rino Mini presidente dell’acqua Galvanina.
Nelle passate edizioni il Premio è stato assegnato a Gualtiero Marchesi, Tonino Guerra, Vittorio Sgarbi, Alessandro Regoli, Anna Scafuri, Andrea Scanzi, Gioacchino Bonsignore, Bruno Gambacorta …..tanti personaggi di spicco della cultura, il giornalismo, del vino, della cucina e del cuore cioè i portatori di contenuti etici. E’

Premio-Galvanina-2018-Antonietta-Mazzeo-Donatella-Cinelli-Colombini

Premio-Galvanina-2018-Antonietta-Mazzeo-Donatella-Cinelli-Colombini

appunto per questi che vengo premiata insieme alle Donne del Vino. Vado molto fiera del riconoscimento pubblico attribuito all’associazione che presiedo e che svolge un’opera assidua: raccolte fondi in favore dei pastori terremotati e dei grandi ustionati dell’Africa, corsi sulla “sicurezza a tavola”- disostruzione del soffocamento da cibo, accoglienza di produttrici provenienti da Paesi in via di sviluppo come il Perù, oppure azioni locali in favore dei centri antiviolenza e del volontariato. Le Donne del Vino hanno un cuore grande e una capacità di mobilitazione che commuove.
Insieme a me sono stati premiati personaggi di primo piano del panorama enogastronomico nazionale, come Daniele Cernilli uno dei padri delle guide dei vini italiani che ha insistito sul giornalismo come pratica di servizio lontana dal narcisismo di chi assaggia e giudica i vini esibendo la propria bravura. Ecco che a Elsa Mazzolini che gli presentava la coppa in vetro di Murano donata ai vincitori e <<utile per i fiori e per raffreddare lo Champagne>>. Ma Daniele, con encomiabile antisnobismao ribatteva << anche il Verdicchio>>. Leggi tutto…


Donne del Vino e Confindustria Alto Milanese

  • Pubblicato in Forum

La Confindustria Alto Milanese punta sulle Donne del Vino ed è un successo: 200 wine lovers a Busto Arsizio nel Campus Reti

Donne-del-Vino-Legnano-Longo-Speciality

Donne-del-Vino-Legnano-Longo-Speciality

Di Donatella Cinelli Colombini
Un entusiasmo che riempie il cuore, quello di Paola Longo vera madrina dell’appuntamento che fa incontrare le Donne del Vino con gli imprenditori di un distretto industriale fra i più performanti  del mondo. Entusiasmo delle produttrici arrivate da tutta Italia per offrire in assaggio 39 vini di assoluta eccellenza. Entusiasmo dei 200 wine lovers intervenuti alla degustazione e testimoni di uno stile di vita giovane che associa l’apprezzamento per le bottiglie di pregio con la voglia di affermarsi nella vita sociale e nel lavoro.
La giornata delle Donne del Vino nel distretto Alto Milanese era iniziata con la visita nel

Confindustria Alto Milanese Fabrizio Sala Vicepresidente Regione Lombardia

Confindustria Alto Milanese Fabrizio Sala Vicepresidente Regione Lombardia e Anna Prandoni

show wine Longo che propone nuove modalità di esposizione e conservazione del vino usando tecnologia, materiali e soluzioni innovative. Spettacolosa la cantina circolare sotterranea con porta telescopica a filo pavimento e 1.600 bottiglie all’interno.
Lo show room e gli uffici sono nel luogo in cui, nel 1961, il padre di Paola, Consiglio Longo, aveva creato la sua cantina e la prima attività di distribuzione di vino. Oggi ospita il cervello della Longo Speciality una impresa creata nel 1990 e diventata leader in Italia nella regalistica enogastronomica – nel periodo natalizio vi lavorano 120 persone solo per preparare i pacchi dono – ad essa si affianca l’enoteca di Legnano che commercializza vini di alta gamma anche all’estero. Nel 2000 e nel 2014 le imprese Longo hanno ricevuto l’Oscar di Bibenda e dal 2008 pubblicano la guida “Fuoricasello” in 600.000 copie, con le indicazioni sui migliori ristoranti a 5 minuti dalle uscite autostradali. Leggi tutto…

Seguici su : f t g p fl is l y tripadvisor icon

Log In

Create an account