“Cosa Nostra” e “Minchia” Montepulciano in Australia

'Minchia' Montepulciano-Adelaide-Hills

“Cosa Nostra” e “Minchia” Montepulciano in Australia

Andrea Gabbrielli ha scoperto in Australia due vini con nomi lesivi della dignità dell’Italia e del vino italiano. Speriamo che le istituzioni intervengano

'Minchia' Montepulciano-Adelaide-Hills

‘Minchia’ Montepulciano-Adelaide-Hills

Di Donatella Cinelli Colombini

C’è da chiedersi se dobbiamo aspettare Report o il Gambero Rosso per tutelare l’interesse dei cittadini. Tuttavia avviene sempre più spesso che siano i giornalisti a scovare i traffici con tangenti milionarie, le pratiche illecite che inquinano, l’assenteismo che paralizza gli uffici pubblici ….. Avviene così spesso che ormai non ci meravigliamo più.

VINI MONTEPULCIANO COSA NOSTRA E MINCHIA

'La Cosa Nostra' Montepulciano d'Abruzzo-Springton Hills Wines

‘La Cosa Nostra’ Montepulciano d’Abruzzo-Springton Hills Wines

Va a finire che gli organi preposti entrano in azione dopo che il problema è stato denunciato dai giornalisti. O almeno speriamo che entrino in azione.
In questo caso parliamo di due vini australiani << il primo è ‘La Cosa Nostra’ Montepulciano d’Abruzzo-Springton Hills Wines, prodotto dalla famiglia Ciccocioppo; il secondo è il First Drop ‘Minchia’ Montepulciano, Adelaide Hills>> descritti dal giornalista Andrea Gabbrielli all’interno di un suo bellissimo articolo intitolato “Montepulciano il Nobile che verrà” e pubblicato su Trebicchieri settimanale economico del Gambero Rosso.
I nomi, mi scrive l’amico Gabbrielli, sono << gravemente lesivi non solo delle nostre denominazioni o del vino ma anche dell’immagine del nostro Paese>>. In effetti sono proprio i nomi a venire spiegati nel dettaglio nei siti in cui sono recensiti i vini.  << Montepulciano è un patrimonio di tutti e non si merita questo squallore>>, commenta ancora Andrea Gabbrielli.

INTERROGAZIONE DI DARIO STEFANO AL MINISTRO CENTINAIO

Per sollecitare un intervento delle istituzioni il Senatore Dario Stefano ex ottimo Assessore all’Agricoltura della Puglia ha fatto un’interrogazione orale al Ministro Gian Marco Centinaio chiedendo che attivi <<tutti gli strumenti preposti, a partire dall’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari nonchè il Comitato Vino, al fine di valutare iniziative volte a proteggere la denominazione in oggetto da un danno di immagine e di reputazione che non può essere tollerato o giustificato da qualsiasi scelta di marketing>>.
Il problema nasce dal fatto che, da almeno tre legislature, al Senato, il Governo risponde solo a una interrogazione su quattro. E c’è da scommettere che quel 24% di risposte riguardino le interrogazioni concordate con i parlamentari dello stesso partito. Per questo è improbabile che il Ministro risponda e per questo è importante dare rilievo all’articolo di Andrea Gabrielli e all’azione parlamentare del Senatore Stefano.

NECESSARIO L’INTERVENTO DELLA REPRESSIONE FRODI E DEL CONSORZIO

Non tanto per ottenere una risposta dal Ministro Centinaio quanto piuttosto per spingerlo ad attivare gli uffici della Repressione Frodi, noti con la sigla ICQRF, dove il bravissimo Oreste Gerini, un tempo a capo degli uffici di Firenze, saprà trovare gli strumenti normativi per far cambiare nome ai due vini australiani e intervenire.  Infatti l’uso del termine Montepulciano d’Abruzzo riguarda una DOC con un’ area di produzione nelle province di Chieti, l’Aquila, Pescara e Teramo e non può certo provenire dall’Australia, per cui le bottiglie, “La Cosa Nostra”, prodotte dalla famiglia Ciccocioppo, sono di falso Montepulciano d’Abruzzo.

C’è da chiedersi come mai gli addetti commerciali della nostra Ambasciata in Australia e i produttori toscani o abruzzesi che hanno visitato la terra dei canguri, non abbiano sollecitato nessun intervento anche da parte dei consorzi del Vino Nobile e  di Tutela Vini d’Abruzzo che, nel 2012 firmarono un Protocollo d’intesa in cui c’era l’impegno a “operare nell’immediato e in futuro congiuntamente per la difesa del termine Montepulciano da ogni utilizzo distorto e comunque lesivo dell’immagine e della qualità dei vini tutelati dai due Consorzi. A tal fine costituiscono un Comitato paritetico permanente di monitoraggio dei mercati e della comunicazione, cartacea e telematica.” Ebbene i due vini Montepulciano sono ben pubblicizzati online, << A sensual, yet exuberant wine>>.

Nessun commento

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi