I vini più cari degli ultimi 20 anni

Penfolds Block 42 Kalimna-vini-più-cari-del-mondo

I vini più cari degli ultimi 20 anni

C’è una netta differenza fra il prezzo e le cantine di origine dei vini mediamente più cari degli ultimi 20 anni di quelli attualmente in vendita

Penfolds Block 42 Kalimna-vini-più-cari-del-mondo

Penfolds Block 42 Kalimna-vini-più-cari-del-mondo

Di Donatella Cinelli Colombini

Non mi riferisco alle bottiglie introvabili, in piccolissima serie, come i 250 esemplari di Liber Pater 2015 che saranno venduti al prezzo di 30.000 € l’uno. In questo caso si tratta di un vino praticamente introvabile che, secondo il suo produttore Loïc Pasquet verrà spedito a una lista di collezionisti che le hanno già prenotate.

I VINI PIU’ CARI NEL MERCATO NEGLI ULTIMI 20 ANNI

I vini ultra cari a cui mi riferisco sono comunque diffusi nelle migliori enoteche di tutto il mondo, come La Tâche di Romanée-Conti. Si tratta dunque di bottiglie destinate a un ristretto club di milionari e presenti solo in luoghi straordinariamente esclusivi ma non di vini introvabili.
La lista pubblicata da Wine Searcher e tratta dal suo mastodontico data base riguarda bottiglie da 750 ml presenti più volte, negli ultimi 20 anni, nella lista degli esemplari più cari.
I prezzi sono quelli medi in Dollari e non comprendono le tasse.

LISTA DEI VINI PIU’ CARI DEGLI ULTIMI 20 ANNI

Romanée Conti-vini-più-cari-del-mondo

Romanée Conti-vini-più-cari-del-mondo

Penfolds Block 42 Kalimna Cabernet Sauvignon Ampoule, Barossa Valley $152,430
Armand de Brignac Ace of Spades Midas Brut Champagne $39,582
HM Borges Panther Family Reserve Madeira $24,999
Sine Qua Non El Corazon Rose, California $12,768
Domaine de la Romanée-Conti Romanée-Conti Grand Cru, Côte de Nuits $12,152
Henri Jayer Richebourg Grand Cru, Cote de Nuits $11,845
Moet & Chandon Esprit du Siecle Brut Champagne $11,247
Domaine de la Romanée-Conti Les Gaudichots, Vosne-Romanée Premier Cru $10,346
Sine Qua Non The Bride, San Luis Obispo County $9282
Welsh Brothers Verdelho, Madeira $8855

Prima-Donna-della-Borgogna-Lalou-bize-Leroy

Prima-Donna-della-Borgogna-Lalou-Bize-Leroy

DIFFERENZE FRA I VINI PIU’ CARI DEGLI ULTIMI 20 ANNI E DI OGGI

Nessun vino italiano in questa lista e sorprendentemente pochi Borgogna e nessun Bordeaux. Il vincitore è l’australiano Penfolds ma la cosa che colpisce maggiormente è la distanza fra questa lista riassuntiva degli ultimi 20 anni e la lista  2019 dei vini più cari. Una distanza che evidenza l’enorme crescita dei prezzi che ha generato oppure è stata generata dalla speculazione. Sta di fatto che le bottiglie di vini pregiati aumentano il loro valore più delle azioni, più dell’oro e delle opere d’arte per cui sono diventare un “bene rifugio” fra i più apprezzati. Va detto che la corsa verso l’alto si è arrestata ma le cifre che vedrete nella lista seguente sono comunque astronomici. Anche in questo caso Wine Searcher ha elencato il prezzo medio dei vini più cari presenti in numerose rivendite e in numerose annate.

VINI PIU’ CARI NEL MERCATO OGGI

Domaine de la Romanée-Conti Romanée-Conti Grand Cru, Côte de Nuits $20,405
Domaine Leroy Musigny Grand Cru, Côte de Nuits $15,680
Egon Müller Scharzhofberger Riesling Trockenbeerenauslese, Mosel $13,558
Domaine Georges & Christophe Roumier Musigny Grand Cru, Côte de Nuits $13,050
Domaine Leflaive Montrachet Grand Cru, Côte de Beaune $10,100
Domaine de la Romanée-Conti Montrachet Grand Cru, Côte de Beaune $7921
Domaine Leroy Chambertin Grand Cru, Côte de Nuits $7553
Leroy Domaine d’Auvenay Chevalier-Montrachet Grand Cru, Côte de Beaune $6616
Screaming Eagle Sauvignon Blanc, Oakville $6070
Domaine Leroy Richebourg Grand Cru, Côte de Nuits $6006

LO STRAPOTERE DELLA BORGOGNA FRA I VINI PIU’ CARI ATTUALI

In questa serie lo strapotere della Borgogna si vede in tutto il suo attuale splendore. A fianco di Romanée Conti c’è la Prima donna della Borgogna Lalou Bize-Leroy 86 anni e un fiuto micidiale per i vigneti migliori e il marketing. Dopo la rottura con Aubert de Villaine e aver lasciato la direzione di Romanée Conti nel 1992 ha fondato Domaine Leroy creando dei vini capolavoro in piccole serie.
Sopra ho scritto che la corsa verso l’alto dei prezzi dei vini di Borgogna sembra essersi fermata e non solo nei più costosi, ma in generale in tutta la zona. Forse i collezionisti vedono più appetibili bottiglie di altre denominazioni con un prezzo iniziale più basso e un ragionevole incremento di valore nel tempo. Non c’è quindi da aspettarsi dei listini in aumento del 40% in un anno come è successo per le bottiglie Leroy fra il 2017 e il 2018.

wine-destination

wine-destination
                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi