LA SVOLTA DIGITALE POST COVID DELL’ENOTURISMO 15

Turismo-del-vino-e-digitale

LA SVOLTA DIGITALE POST COVID DELL’ENOTURISMO 15

La mancanza di connettività nelle campagne è il maggior ostacolo allo sviluppo dell’enoturismo perché impedisce di commercializzare e trovare le cantine

 

vino-turismo-e-digitale

la-connettività- e-turismo-del-vino

di Donatella Cinelli Colombini

All’inizio del 2021 l’Associazione Le Donne del Vino fu chiamata alla Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati per portare un contributo femminile al Piano Nazionale di Ripartenza e Resilienza e quindi fu organizzato un sondaggio fra le 900 socie da cui emerse la connettività come prima esigenza.

 

IL COVID HA ACCENTUATO IL BISOGNO DI CONNETTIVITA’

Cantine-italiane-e-comunicazione-digitale

connettività-vino-e-turismo

Il lockdown e l’aumento di riunioni, l’invio di documentazione, il lavoro e in generale la comunicazione via web che ha sopperito all’impossibilità di incontrarsi e viaggiare, ha messo in grave difficoltà le imprese non collegate con fibra ottica o con cattiva connessione ADSL e quelle in zone dove la copertura del segnale telefonico è debole.
Ovviamente il problema esisteva già prima ma era meno percepito. Non si tratta di una criticità che scomparirà con l’epidemia, anche se diminuirà con la riduzione dello smartworking. La nuova modalità di utilizzo è ormai entrata nel vissuto di tutti come la comodità di fare riunioni online anziché perdere un’intera giornata per incontrarsi di persona.

 

IL TURISMO E’ VENDUTO ONLINE

Il turismo è, oltre la musica e i film, il comparto economico più digitalizzato perché, mi piace ripeterlo, vende “sogni” cioè vende il desiderio di un luogo e lo vende soprattutto online.
Per questo ha sempre utilizzato molto la tecnologia digitale e, con il Covid, ha accresciuto il suo uso per dialogare col mercato, indicizzare e accrescere la propria visibilità e reputazione … per fare marketing e business.
Nell’estate 2021 la vendita online di prodotti turistici in Italia è aumentata del 51% per un valore di 10,8 miliardi. In termini reali si tratta di una cifra inferiore all’epoca pre-pandemia ma percentualmente molto rilevante rispetto ai business turistici dell’annata.