Orcia Wine Festival 23-25 aprile 2022

Orcia-wine-festival-23-25-aprile-2021

Orcia Wine Festival 23-25 aprile 2022

Nel week end lungo del 25 aprile torna la festa della Doc Orcia, il vino più bello del mondo e io lascio la presidenza del Consorzio orgogliosa del lavoro fatto

 

Orcia-wine-festival-23-25-aprile-2021-degustazioni-guidate-a-Palazzo-Chigi

Orcia-wine-festival-23-25-aprile-2021-degustazioni-guidate-a-Palazzo-Chigi

di Donatella Cinelli Colombini

Con l’Orcia Wine Festival, 23-25 aprile 2022, si conclude la mia presidenza della Doc Orcia. Un lungo periodo in cui ho trovato nuovi amici che hanno condiviso con me ogni passo: lavoro, decisioni, viaggi, preoccupazioni e successi.

Durante i miei 9 anni di presidenza, la giovane denominazione, che nasce fra le terre del Brunello e del Vino Nobile, è cresciuta in qualità e reputazione. Nessuno è stato lasciato indietro anche se, lo sforzo di tirare il gruppo, si è concentrato solo su un piccolo gruppo di produttori più generosi. I risultati sono visibili: l’Orcia è presente in tutti i ristoranti e le enoteche del suo territorio di produzione ed è considerata una delle denominazioni emergenti in Italia.
Il vino Orcia nasce in una sessantina di cantine piccole e spesso piccolissime dove ci sono produttori appassionati, coraggiosi e legatissimi alla loro terra. Piccoli eroi vignaioli che affrontano sacrifici e fatiche nella convinzione di poter produrre grandi vini. A loro dico grazie. E’ stato bellissimo lavorare con loro e per loro, cercando di infondere coraggio, spirito di squadra e convinzione di poter vincere. Ho l’orgoglio di aver contribuito a creare un sogno – collettivo e individuale – che pian piano si sta trasformando in realtà.

Per capire appieno questo percorso venite alla Fattoria del Colle di Trequanda ed entrate nella sala della cantina che insegna ad ascoltare le vigne. Capirete come nasce e cresce la passione vignaiola.

 

ORCIA WINE FESTIVAL 2022 ALL’INSEGNA DELLA SCOPERTA DELLA DOC ORCIA

Orcia-doc-Cenerentola-2018-presente-all'Orcia-Wine-Festival

Orcia-doc-Cenerentola-2018-presente-all’Orcia-Wine-Festival

Da sabato 23 aprile fino a martedì 26, giorno riservato agli operatori, il calendario delle iniziative comprende moltissimi assaggi: quelli ai tavoli dei produttori nelle splendide sale di Palazzo Chigi Zondadari sabato, domenica e lunedì dalle 12,30 alle 19 (qui ci saranno anche i miei Cenerentola e Leone Rosso Doc Orcia) e quelle guidate dai degustatori Onav con tre temi diversi: doppia annata dello stesso vino, biodinamico e biologico, novità e sperimentazioni. Ad esse si aggiunge la masterclass guidata da Davide D’Alterio, vice campione italiano 2021 e Ambasciatore Italiano del Sangiovese. Uno dei giovani assaggiatori più talentuosi che lavora all’Enoteca Pinchiorri a Firenze.
Per i wine lovers sportivi ci saranno escursione in bici alla Cappella di Vitaleta con assaggio di tre vini. Oppure trekking da San Quirico a Bagno Vignoni con assaggio di tre vini Orcia.

L’Orcia Wine Festival è l’occasione per visitare Bagno Vignoni, unico centro termale medioevale ancora conservato. L’effetto magico della “piazza d’acqua” dove si bagnarono Santa Caterina e Lorenzo il Magnifico, è più bello con un calice in mano. C’è anche la possibilità di fare shopping nel  negozio Toscanalovers con il meglio dell’artigianato toscano per la tavola.

 

MUSICA, VINO, ARTE E SPORT MA ANCHE UNA CENA A PALAZZO

Musica – in questo caso Siena Jazz – anche domenica, durante il saluto dei quartieri, con sbandieratori in costume storico, lungo le strade di San Quirico. E ancora musica e poesia dedicata al vino.
Gli amati del bel canto troveranno l’Unione Corale Senese con pillole di “vino nella lirica” e, in altri momenti, un tenore.

Per i bambini e gli adulti ci saranno piccoli laboratori di cucina locale. Ancora in chiave giocosa la caccia al tesoro nei vicoli di San Quirico, per imparare in modo divertente la storia e le tradizioni locali.
Leggermente più formale ma ancora in stile valdorciano la cena a Palazzo Chigi la domenica sera, in collaborazione con Tiziana Tacchi de “Il Grillo è buon cantore” di Chiusi, premiato da Slow Food come migliore ostessa d’Italia.
Martedì 26 aprile la degustazione del vino Orcia ai tavoli dei produttori sarà riservata a ristoranti, enoteche e wine bars del territorio.
Piccola chicca finale il “Treno Natura” convoglio d’epoca con ferrovieri in pensione nei panni di ciceroni, che percorre la strada ferrata a un solo binario con partenza da Siena.
Un programma spettacolare per concludere la mia presidenza della Doc Orcia, nel migliore dei modi.