Rocca di Staggia arte, storia e fantasia fra Siena e Firenze

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia arte, storia e fantasia fra Siena e Firenze

1020 anni di storia leggeri come nuvole: falchi per la caccia medioevale, la torre di Filippo Brunelleschi, opere d’arte contemporanea alla Rocca di Staggia

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini
La Rocca di Staggia è un posto dove, chi vi celebra il suo matrimonio, parte per il viaggio di nozze in mongolfiera oppure festeggia con un banchetto medioevale con tanto di ballo in costume.
Ogni domenica i bambini assistono agli spettacoli di falconeria e prendono i rapaci sul braccio. Un gioco ma anche una lezione di storia che non dimenticheranno mai. Per i più piccoli ci sono il tattambù che insegna a ottenere suoni dagli oggetti e, la domenica, tante attività divertenti e ricche di insegnamenti che, per gli adulti, si trasformano in assaggi di salumi di cinta senese e vino Chianti.
Una fortezza medioevale viva, dunque, anzi una fortezza d’avanguardia. Come ci spiega Donatella Bagnoli direttrice artistica della Fondazione Rocca di Staggia. Scopriamo la torre medioevale fatta costruire dai ricchi

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

mercanti Franzesi Della Foresta che possedevano il castello alla fine del Duecento e volevano evidenziare il lungo soggiorno alla corte di Filippo il Bello. Da questo periodo alla raffinata corte reale deriva la grande sala per banchetti, ora distrutta, e l’attenzione all’igiene con l’acqua che scorreva nelle latrine per tenerle sempre pulite. Quasi come il nostro WC.
I Franzesi sono noti per la loro ricchezza ma anche per un episodio, forse leggendario, che li vide protagonisti come ladri del tesoro di Papa Clemente V durante il trasferimento in Francia. Puliti ma disinvolti dunque!
La rocca di Staggia vigilava sulla via Francigena e il suo incessante transito di pellegrini, banchieri, e persino sovrani verso Roma. Per questo, quando i Franzesi fecero bancarotta (1361) Firenze comprò Staggia e la trasformò in un baluardo avanzato in terra senese, quasi una spina nel fianco all’eterna nemica. I fiorentini costruirono una nuova cita muraria e, nel 1431 mandarono Ser Filippo Brunelleschi per rafforzare le difese del castello. Anche qui, il più geniale architetto di tutti i tempi, realizza un piccolo capolavoro militare costruendo la rondella con “l’occhio del capitano” torre con alloggio e vista sul punto più critico delle mura urbane.

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

Oltre alle bocche per le bombarde (sorta di bazuka rinascimentali), ai trabocchetti per l’olio bollente, alle scale con scalini traditori …. i visitatori (tutti i giorni 10-17 su prenotazione € 5) scoprono il mondo magico di Italo Calvino attraverso istallazioni di arte contemporanea e esperienze sonore e visive molto coinvolgenti. Una riflessione sul

Rocca di Staggia SI

Rocca di Staggia SI

destino dell’uomo e sul suo cammino verso l’infinito che intreccia passato e presente ed ecco che il setaccio delle anima -che nella cultura medioevale simboleggiava la divisione dei buoni dai cattivi nell’oltretomba- diventa la rete di un letto di ospedale dove la sofferenza ha scavato nel guanciale la testa del malato. Bellissimo vedere arte contemporanea fra queste antiche mura!
Un castello pieno di emozioni.
Per finire: sapete cosa significa essere alle porte coi sassi? Nelle visite guidate della Rocca di Staggia lo scoprirete!

 

Nessun commento

Scrivi un commento

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi