Romano e Giorgio Prodi e la sfida asiatica

G.Prodi, F.Pandolfi, R.Prodi

Romano e Giorgio Prodi e la sfida asiatica

[gplusone]

Arezzo, sala dei Grandi. Sotto gli affreschi con Michelangelo, Mecenate e Piero della Francesca c’è Romano Prodi in forma smagliante che ci parla della <<Sfida asiatica>>.
L’invito arriva da Donato Palarchi generoso e infaticabile animatore del “Circolo verso l’Europa” di Olmo,  nei pressi di Arezzo. Ogni anno Donato organizza un appuntamento di altissimo livello per far riflettere istituzioni, cittadini e soprattutto giovani sul futuro che ci attende

 

G.Prodi, F.Pandolfi, R.Prodi

G.Prodi, F.Pandolfi, R.Prodi

di Donatella Cinelli Colombini
Quest’anno il tema era la Cina. Inizia Giorgio Prodi  – professore a Ferrara – degno figlio dell’ex Primo Ministro.
10 anni fa la produzione cinese era orientata su commodity a basso costo, oggi la Cina produce anche tecnologia. Il Paese è in rapidissima evoluzione – 10% del pil mondiale – ed  ha cambiato il modo di produrre e di consumare in tutto il mondo. Oggi, anche qui in Italia, nessuno ripara più i piccoli elettrodomestici, costa meno sostituirli.

La Cina sta passando da un’economia basata sugli investimenti a un’economia basata sui consumi e nelle zone industriali le retribuzioni aumentano del 15% l’anno. Questo significa grandi opportunità di esportazione, ma attenzione <<per i cinesi la pizza è americana e il vino è francese>> dice Prodi Jr. << il  Ministro francese Alain Juppé è andato in Cina con un esercito di produttori della Borgogna>>.

Tuttavia la Cina è uno dei pochi Paesi che ha continuato a importare dall’Italia allo stesso ritmo anche durante la

8 ottobre sala dei grandi

8 ottobre sala dei grandi

 crisi. Ma cosa compra? << meccanica e lusso>> dice Giorgio Prodi << E’ un mercato enorme dal quale non bisogna restare fuori ma non bisogna neanche abbassare la guardia>>. 

8 ottobre banchetto dopo il convegno

8 ottobre banchetto dopo il convegno

La parola passa a Romano Prodi e il discorso diventa più politico inquadrandosi in uno scenario mondiale di forze, equilibri e opportunità. << Le sfide del futuro sono 3: cibo, energia e materie prime>>  dice l’ex Presidente del Consiglio.  << Quando una popolazione enorme come quella cinese o indiana, passa da un’alimentazione frugale e vegetariana a un’alimentazione a base di carne, questo richiede un’espansione grandissima del terreno agricolo e un immenso fabbisogno d’acqua. Per capirlo è bene saper che per produrre ciò che mangia un normale cittadino italiano in un giorno ci vogliono 4.000 litri d’acqua >>. Il cambiamento dello stile alimentare cinese spiega la strategia espansionistica della Cina verso l’Africa dove c’è terreno agricolo.

Tuttavia la Cina non ha alcuna velleità militare anzi spera nella pace e nella prosperità dei popoli per poter crescere e fare affari.
E noi europei che ruolo possiamo avere? Prodi non ha dubbi, siamo l’elemento equilibratore fra la Cina che cresce e gli Stati Uniti che si ridimensionano come superpotenza economica.   

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi