Il 78% del Brunello espatria

Montalcino, segnale antibirra

Il 78% del Brunello espatria

La vendemmia 2006 – 5 stelle  per il Brunello con ottimi rating sulla stampa internazionale, il Dollaro favorevole, le azioni promozionali all’estero – workshop con operatori, cene di gala per la stampa, seminari … – hanno dato lo slancio al vino di Montalcino che ha letteralmente volato sui mercati stranieri e soprattutto in quelli extra europei. Anche nelle cantine di Donatella Cinelli Colombini l’esportazione segna un + 44,03% nel 2011 mentre il calo nel mercato interno è stato oltre il venti per cento con la sola eccezione della vendita diretta in cantina che si è attesta sui valori dell’anno precedente

Montalcino, segnale antibirra

Montalcino, segnale antibirra

Nell’intera area montalcinese gli effetti della frenata dell’economia italiana sono state compensare dalle vendite oltre confine fino ad aumentare il totale dei fatturati.

Comprovano questa affermazione la crescita dei prezzi dello sfuso e delle bottiglie di Brunello all’origine.

La stella dei vini di Montalcino torna dunque a brillare e gli sforzi fatti individualmente dalle cantine e collettivamente, con le missioni all’estero del Consorzio, sembrano aver dato ottimi frutti.

Queste ultime, dal 2010,  sono raddoppiate nel numero e nell’importo superando il milione all’anno di impegno economico.   Prossimi appuntamenti del Brunello a New York e San Francisco (7-9 febbraio), Benvenuto Brunello a Montalcino (24-27 febbraio) segue Prowein –Dosseldorf (4-6 marzo) e poi fra marzo e aprile   Vinitaly a Verona  e due eventi europei  a Zurigo e Berlino.

Brunello 2006 Prime Donne

Brunello 2006 Prime Donne

Un’accelerazione delle iniziative a sostegno dell’export, che è stata possibile grazie ai fondi Europei – OCM – e regionali. L’effetto è ottimo sia nella zona del  Brunello che nelle altre parti della Toscana.  Infatti  i primi 9 mesi dell’anno segnano un +13,5% delle vendite estere del  vino made in Tuscany  superando i 323 milioni di Euro (approfondimenti in Wine News). La Toscana si conferma la regione italiana del vino con più vocazione all’esportazione  (seguita da Veneto con 156 e Piemonte con 117.000.000 €). Il principale mercato estero sono gli Stati Uniti seguiti da Germania e Canada.