Baccalà alla fratina una ricetta di Trequanda in Toscana

Baccalà alla fratina 8 - baccalà aggiunto al pomodoro

Baccalà alla fratina una ricetta di Trequanda in Toscana

Il baccalà è proprio adatto alla quaresima anche se un tempo era un pesce da poveri mentre oggi è una prelibatezza da ricchi, questa è un’antica ricetta toscana

Di Donatella Cineli Colombini

Baccalà alla fratina 8 - baccalà aggiunto al pomodoro

Baccalà alla fratina di Trequanda

Nella campagna toscana il baccalà era, insieme alle acciughe, l’unico pesce disponibile e il re dei giorni di vigilia.

UN PICCOLO INGANNO

Le massaie avevano imparato a cucinarlo con grandi intingoli per cui, anche se nel piatto arrivava solo un pezzettino di baccalà, il saporitissimo sugo intinto nel pane permetteva di saziarsi a puntino. Nessuno ricorda il motivo dello strano nome di questa ricetta anche se i frati da cerca erano una presenza consueta nelle fattorie e nelle case del contado per cui possiamo pensare all’esistenza di piatti studiati apposta per onorarli. Alla Fattoria del Colle c’è addirittura una camera chiamata “monache” predisposta per ospitare questi religiosi di passaggio e messa in una posizione che consente di uscire all’aperto senza passare dalla cucina e dalla dispensa. Non era infrequente infatti che i frati da cerca fossero degli impostori che tentavano di introdursi nei magazzini per fare razzia di cibarie era dunque indispensabile prendere delle precauzioni.

Rosato-tendenze-2019-del-vino-italiano

Rosato-IGT Toscana Fattoria del Colle

Accompagnare il baccalà alla fratina con un rosato strutturato come l’IGT Toscana Rosa di tetto della Fattoria del Colle

INGREDIENTI PER IL BACCALA’ ALLA FRATINA

½ Kg di baccalà, 3 cucchiai di farina , mezzo bicchiere di olio extravergine, 3 cipolle, ½ bicchiere di vino bianco, ½ kg di pomodori pelati con il loro sugo, un peperoncino piccante, sale

UNA PREPARAZIONE SEMPLICE

Scegliere un bel pezzo di baccalà intero e con la lisca, tenerlo a bagno un giorno intero cambiando spesso l’acqua. Tagliare il baccalà a cubetti di circa 10 cm di lato. Infarinarli e soffriggerli in olio di oliva. Togliere il pesce e deporlo sulla carta gialla. Sostituirlo nella patella con la cipolla tagliata a fettine sottili. Appena imbiondisce versare il vino bianco e farlo evaporare a fuoco lento, poi unire il peperoncino e  pomodori dopo averli pelati e tagliati a grossi pezzi. Spolverare leggermente di sale. Appena i pomodori avranno cambiato consistenza rimettere il baccalà nella padella facendolo insaporire su tutti i lati nella salsa di pomodoro. Servire bel caldo.

 

 

 

wine-destination

wine-destination

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

                                                                       

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Approfondisci

Chiudi