La pittura di vino di Elisabetta Rogai

Elisabetta Rogai

La pittura di vino di Elisabetta Rogai

Enoarte e il vino diventa arte sulle tele di Elisabetta Rogai e invecchia esattamente come in bottiglia. Una materia viva sulla tele come nel bicchiere

Elisabetta Rogai

Elisabetta Rogai

Visto per voi da Donatella Cinelli Colombini
Assisi, Franciacorta, Lituania, Hong Kong, “Artista dell’anno” della sudamericana Friends of Arts Foundation e ora a Forte dei Marmi …. Elisabetta Rogai porta l’arte e il vino toscano nel mondo in un modo davvero singolare.
La pittrice fiorentina dipinge con la tecnica Enoarte, usando esclusivamente vino rosso e poi bianco per le velature, nessun altro colore. Una scelta coraggiosa che apre un nuovo rapporto con la materia e la natura. Il vino si fissa sulla tela e poi invecchia esattamente come farebbe nelle bottiglie passando da tonalità rosso porpora a rosso ambrato, infine il processo si arresta mantenendo la luminosità delle tinte. I suoi dipinti hanno insomma qualcosa di vivo che conferisce nuovo fascino alle immagini di donne e ai paesaggi della Rogai. Enoart è un’esclusiva di Elisabetta che l’ha perfezionata con anni di prove e l’aiuto del Professor Roberto Bianchini docente di chimica organica dell’Università di Firenze.Ma entriamo meglio nella poetica di questa pittrice fiorentina che per tutto il mese di agosto esporrà a Forte dei Marmi

E.Rogai

E.Rogai

nella Galleria Il Forte Antichità di Patrizia Grigolini. I suoi soggetti preferiti sono femminili: nudi di donne dai lunghi capelli, in momenti di riflessione e di sogno. I riferimenti artistici sono contemporanei, echi di Guttuso, Annigoni e forse più lontanamente di Gauguin soprattutto nel raro ritratto maschile di Matteo Renzi. Una grande attenzione all’equilibrio compositivo e un’espressività sussurrata, a volte triste ma sempre coerente, quasi una riflessione sul destino femminile e sul parallelismo fra vino e donne. Un legame, questo, che intreccia i vini usati per dipingere sulle tele, i soggetti e i rapporti umani. Ecco che incontriamo Elisabetta Rogai al Castello di Querceto per le nozze d’oro dei Francois. Ecco Donne del vino che fanno capolino in occasione delle sue vernissage come al Forte dei Marmi quando Antonella D’Isanto ha servito il suo “I Balzini Pink Label”.

Antonella D'Isanto I Balzini

Antonella D'Isanto I Balzini

Elisabetta ha rappresentato l’arte toscana a New York in occasione delle celebrazioni di Amerigo Vespucci, nel 2012 ed ha dipinto l’etichetta della bottiglia ufficiale del precedente semestre italiano alla presidenza dell’unione Europea.
Dopo l’appuntamento estivo, per Elisabetta Rogai si aprirà un periodo di importanti esposizioni, tra cui quella in Palazzo Medici Riccardi a Firenze (dicembre 2014) e al Chiostro del Bramante a Roma (primavera 2015).

 

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation

wine-destination-wine-experiences-spa-accommodation
                                               

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Per capire quali cookie ed in che modo vengono utilizzati, consulta la nostra pagina della Privacy. Accetta i cookie cliccando sul pulsante 'Accetta'. In qualsiasi momento dalla pagina relativa potrai rivedere e cambiare il tuo consenso. MAGGIORI INFORMAZIONI

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi